.
Annunci online

 
andreamasala 
il blog di Andrea Masala
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  giannicuperlo
centro per la riforma dello stato
cooperativa miki
leftwing
sinistra cosmopolita
el meu paìs d'itàlia
youdem tv
red tv
la fabbrica del sole
va_lentina
arci
seconde generazioni
melting pot
partito democratico
rifondazione comunista
peppe somma
inter press service
gibilix
  cerca

non riesco ad essere felice (mi diceva nel chiostro vicino le acciaierie) prova allora ad essere libero (rispondevo) (allora io) come quando a berlino c’era il muro (continuavo) (ancora io) da una parte eri felice, all’altra libero ma come (rispondeva) che gioia e libertà non vanno insieme? in questa nostra (dicevo) preistoria (insistevo) dell’uomo nell’umana preistoria che viviamo (in cui c’è storia solo per le élites, protostoria per noi che scriviamo e leggiamo e facciam conto) (e preistoria per tutti gli altri) (e quindi poi per tutti insomma…) i problemi di cui sopra abbiam divisi (continuavo) a berlino, se da una parte eri felice, dall’altra libero giravi ma questo con consueti incroci (improvvisavo, io) (a questo punto un po’ pentito, io) ché da una parte che eri libero dicevano (ti convincevano di questo dalla culla) (e agli altri tutti lo dicevano) poi dall’altra eri felice e soddisfatto (e solo quello potevi sentire) (solo la tua felicità, e quella di tutti) nell’89 (coi miei diciasett’anni) (con i miei pochi panni) (io) a berlino scansavo le macerie (appunto di quel muro) per camminar così sulla linea dove passava il muro in bilico tra libertà e felicità ho provato una sensazione di incompletezza dell’una e l’altra cosa che ancora non si posa che mi sta ancora qua


 

Diario | Politica | Movimenti |
 
Diario
81678visite.

30 maggio 2011

MILANO NAPOLI A CALDISSIMO 2

rinfrescatomi con nicolas, volevo puntualizzare: dicevo di evitare entusiasmi e semplificazioni perché da stasera cominceremo purtroppo a sentire (dai diretti interessati che è normale, ma soprattutto dai soliti disinteressati pieni di interessi) che per vincere bisogna candidare vendola come novello obama, altri diranno matteo renzi, altri ancora qualche altro magistrato o banchiere (in attesa di un generale o di un cardinale)

invece occorre capire cosa si muove nel profondo, né io né molti altri avremmo scommesso un centesimo (di quelli rimasti) un mese fa su questi risultati.
comunque credo che il motivo principale sia proprio l'impoverimento delle classi medio-basse (la grande maggioranza del paese) che può credere anche per una decina di anni alle promesse di un miliardario vincente e accattivante, ma poi arriva il buon senso.
ora l'importante è staccare la lega da berlusconi, in tutti questi anni di alleanza non hanno portato a casa niente, se li stacchiamo abbiamo rotto il fronte conservatore al suo centro (terzo polo) e alla sua destra (lega). da qui si può riorganizzare una politica moderna degna delle aspettative della gente e di un paese europeo.
e poi noantri se compramio luisserriche!!!




permalink | inviato da andreamasala il 30/5/2011 alle 19:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        giugno